La stragrande maggioranza del consumo globale di energia di Ellab è ufficialmente verde e pulita!

Quasi la totalità dell’energia utilizzata dagli stabilimenti Ellab nel mondo è certificata come energia green.

Ciò è stato ottenuto in diversi modi, ad esempio installando pannelli solari o passando ad altre forme di energia pulita e per tutti gli uffici in cui non era possibile la conversione diretta, Ellab ha ufficialmente acquistato i Certificati di Attributo Energetico (EAC).

Questi certificati, noti anche come Garanzie di Origine (Go) in Europa, Certificati di Energia Rinnovabile (REC) in Nord America e Certificati Internazionali di Energia Rinnovabile (I-REC) in Asia, sono la prova che l’energia che un’azienda acquista proviene da fonti rinnovabili.

Come funzionano esattamente? Quando l’energia viene generata da fonti rinnovabili come centrali eoliche, solari o idroelettriche, viene immessa nella rete elettrica. Poiché è nota l’esatta quantità di energia verde immessa in questa rete, le aziende o gli individui possono acquistare una parte di questa energia pulita. Attraverso questo processo si possono acquisire gli EAC, una vera e propria moneta di scambio del mercato energetico rinnovabile, che permette agli acquirenti di sottolineare in modo credibile la propria scelta energetica e di ridurre l’impatto ambientale.

Ellab punta al 100% di energia verde ed è costantemente impegnata per un futuro più verde: sono già stati apportati numerosi miglioramenti attraverso le stazioni di ricarica dei veicoli elettrici, il riciclaggio dei rifiuti, la piantumazione di una foresta e l’azienda sta intraprendendo molte altre iniziative.

Scopri di più sulla nostra politica di sostenibilità!

Contattaci

I nostri tecnici ti daranno informazioni dettagliate.










     Leggi la nostra Privacy and Cookies Policy e accetta le condizioni di utilizzo e trattamento dei tuoi dati. Tratteremo sempre le informazioni da te inserite con rispetto.



    Previous articleIl monitoraggio ambientale nelle serre
    Next articleL’ interscambiabilità delle termocoppie