Il monitoraggio ambientale nelle serre

2195

 

Le serre sono ambienti chiusi  e per una buona crescita delle piante e per prevenire patologie vegetali occorre assicurare il mantenimento di adeguate condizioni ambientali: i livelli di anidride carbonica (CO2), umidità relativa e temperatura devono essere misurati.

L’elevata umidità dell’aria ad esempio, può favorire l’insorgenza di micosi dannose e di altre patologie, o anche impedire che le piante assorbano sostanze nutritive e l’umidità relativa dell’aria ideale è compresa tra 50 e 85 %UR. Misurando e monitorando l’umidità relativa dell’aria è possibile regolare i sistemi di umidificazione e nebulizzazione, ai quali si ricorre quando i valori di umidità sono troppo bassi. In caso di valori di umidità dell’aria troppo alti, possono tornare utili i sistemi di ventilazione o di riscaldamento. Il loro impiego va regolato in maniera ottimale, per contenere i costi dell’energia.
Anche una temperatura troppo calda o troppo fredda può rallentare la crescita delle piante o addirittura metterle in pericolo.

Creare il microclima ottimale per le diverse specie vegetali richiede un sistema di gestione all’avanguardia che coinvolga una serie molto ampia di parametri. Grazie alle nuove tecnologie oggi esiste la possibilità di impostare ciascun parametro in modo molto preciso e soprattutto di controllarlo in tempo reale e modificarlo se la produzione non risponde come dovrebbe.

Contatta ELLAB per ricevere informazioni sui sistemi di monitoraggio ambientale più adatti per questa applicazione e per ottenere i migliori risultati possibili dalle vostre colture in serra!

Contattaci

I nostri tecnici ti daranno informazioni dettagliate.










     Leggi la nostra Privacy and Cookies Policy e accetta le condizioni di utilizzo e trattamento dei tuoi dati. Tratteremo sempre le informazioni da te inserite con rispetto.



    Previous article6 modi semplici per migliorare la precisione delle misurazioni
    Next articlePiù del 99% del consumo di energia di Ellab ora è green