Il processo termico di pastorizzazione è fondamentale per garantire un prodotto di qualità, che mantenga le proprietà nutritive e tuteli la salute dei consumatori.
La pastorizzazione in tunnel viene effettuata sul prodotto precedentemente confezionato in bottiglie di vetro o lattine, quindi l’azione termica si applica anche al contenitore, al tappo o coperchio, ai gas contenuti nello spazio di testa. Avviene tipicamente tra i 60°C e i 85°C circa e permette di aumentare il tempo di conservazione degli alimenti mantenendo pressoché inalterata la qualità e di ridurre il rischio di contaminazione batterica. Tra i prodotti sottoposti a pastorizzazione a tunnel vi sono ad esempio succhi di frutta, birra e bibite, concentrato di pomodoro, formaggi spalmabili, sottaceti, bevande in lattina o bottiglia. La temperatura del contenitore viene innalzata gradualmente con docce di acqua a temperatura crescente, mantenuta per il tempo previsto alla temperatura di pastorizzazione e poi gradualmente abbassata con docce di acqua a temperatura decrescente.

Per soddisfare le esigenze di convalida dei tunnel di pastorizzazione Ellab propone due soluzioni:

Scopri tutti i dettagli! 

Se vi serve aiuto per la qualifica e la convalida del tuo processo di pastorizzazione, non esitate a contattare il team di professionisti di convalida di Ellab: riceverete un supporto qualificato e flessibile per soddisfare le diverse esigenze del settore.

Contattaci

I nostri tecnici ti daranno informazioni dettagliate.










     Leggi la nostra Privacy and Cookies Policy e accetta le condizioni di utilizzo e trattamento dei tuoi dati. Tratteremo sempre le informazioni da te inserite con rispetto.



    Previous articleCome conservare gli emoderivati in condizioni A+
    Next articleSoluzioni di monitoraggio della temperatura nelle macellerie